GLI EVENTI

Mito e Storia, Sacro e Profano, misticismo e Folclore: è l’incontro di questi diversi elementi che, affondano il senso ed il significato in retaggi ancestrali, connota fortemente l’identità culturale di Ascea-Velia, trasfusa in antichi riti e processioni e in numerose iniziative culturali e spettacolari che vivacizzano questi luoghi in ogni periodo dell’anno. Le manifestazioni ripropongono immagini, suoni e sapori tesi al recupero della memoria storica di Ascea-Velia e del Cilento, trasformando il territorio in un autentico palcoscenico a cielo aperto ricco di colori, suoni e sensazioni. La religiosità si identifica sia nei luoghi di culto sia nelle celebrazioni, sempre molto suggestive testimoni della profonda e radicata fede della comunità locale. Vissuti con grande coralità, il primo martedì di agosto, ad Ascea capoluogo, i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio di Padova (onorato anche altre tre volte durante l’anno: il 13 giugno, il 9 ottobre ed il 15 febbraio). San Nicola di Bari, il Santo Patrono del Comune, si festeggia il 6 dicembre. A mandia, il 24 giugno si festeggia San Giovanni Battista. A Terradura, oltre alla ricorrenza della domenica dell’Albis dedicata alla Madonna di Costantinopoli (detta dagli abitanti del luogo “ del Ponte”), il 12 agosto si celebra la festa di Santa Sofia. Mentre a Catona la statua della Madonna del Carmine viene portata in processione a partire dal 7 luglio, anche se la festa vera e propria ricorre il 16 del mese. Sempre a luglio, l’ultima domenica, si celebra, nelle località di Baronia e Stampella, la festa di Santa Barbara. Il 27 agosto si svolge, invece, la processione di barche a mare (sono centinaia, di piccolo e medio cabotaggio) per festeggiare Santa Maria di Portosalvo. Caratteristica comune a tutte le processioni religiose è il corteo di “cinte”, oggetti votivi costruiti con candele aventi forma di torre o di barca (a seconda se il luogo della processione è nell’area interna o in quella marina), portati sul capo delle donne in segno di devozione e di riconoscenza nei confronti del santo festeggiato. Vario e ricco è, poi, il cartellone degli appuntamenti musicali, teatrali, tersicorei, cinematografici, artistici e di intrattenimento, organizzato nei tre “templi dello spettacolo” di Ascea-Velia: l’ Acropoli di Elea-Velia la Piazza Teatro, ubicata sullo splendido lungomare della Marina ed il complesso Alario, con il Teatro all’aperto “Zenone” e l’Auditorium “Parmenide”. Proprio tra l’ acropoli di Elea-Veliae il Teatro all’aperto “Zenone”, da agosto a settembre, si svolge la prestigiosa rassegna di teatro classico “VeliaTeatro”, che consente di rivivere attraverso la rappresentazione di commedie e tragedie greco-latine, l’ incanto di luoghi ricchi di storia e di tradizioni. Parimenti nei due siti si svolge la rassegna internazionale di musica “Velia Festival” che, spaziando tra la produzione Barocca, Classica, Romantica e Moderna, ospita concerti dei principali interpreti del panorama cameristico, lirico e sinfonico. Per un pubblico alla ricerca del puro divertissement ogni anno ad agosto è organizzato “Ascea Ridens”, premio nazionale di cabaret, gemellato con l’ osservatorio dulla Comicità-Premio Massimo Troisi “di San Giorgio a Cremano e con il prestigioso festival di comicità “Bravo Grazie” dai Saint Vincent. Altrettanto teso a favorire il puro svago ma con una finalità di sensibilizzazione e coinvolgimento dei turisti sui temi della tutela dell’ambiente è il programma di “Animascea”, che tra la fine di giugno e la metà di settembre allieta quotidianamente i vacanzieri con attività di miniclub, educaiozne ambientale, ginnastica a corpo libero, aerobica, lezioni di balli standard e latino-americani,balli di gruppo ed attività sportive. “Cilento Etno” è, invece, il festival di musiche etniche e popolari che, promosso tra la fine di agosto ed i primi di settembre, miscela i suoni della tradizione con quelli dell’ innovazione. Improntato sull’impegno sociale e sulla ricerca delle radici antropologiche del “Mare Nostrum” è, invece, l’innovativo “Mediterraneo Video Festival”, rassegna sul cinema documentario del mediterraneo che si tiene nel secondo fine settimana di settembre sotto gli auspici del CICT (Consiglio Internazionale del Cinema, della Televisione e dell’ Audiovisivo) dell’ UNESCO. Mostre, seminari, dibattiti e convegni che si svolgono nel corso dell’intero anno focalizzano l’interesse di un pubblico interessato e di accademici e studiosi sul grande patrimonio culturale della civiltà eleatica. Particolarmente importante è la Scuola di Alta Formazione organizzata ogni anno, nel mese di settembre, dal Comune e dall’ Istituto Italiano per gli studi Filosofici in collaborazione con diverse Università italiane e straniere sui temi relativi al pensiero di Parmenide e di Zenone. Due importanti sagre,poi, concentrate entrambe nel mese di agosto, completano il carnet degli eventi asceoti: la “Sagra degli Ulivi”, che tiene a fine mese nello splendido uliveto comunale di Ascea capoluogo, e la “Festa degli Antichi Sapori”, che si svolge dopo il 15 a Mandia. Esse sono dedicate, rispettivamente, all’olio e ai suoi derivati, ed i prodotti tipici dell’ entroterra (castagne e fagioli di Mandia, fusilli fatti a mano, salsicce, soppressate e capicolli) Che, altre a dimostrare la bontà e la genuinità della gastronomia locale, ne raccontano la storia, la cultura ed i segreti, custoditi e tramandati da una generazione all’altra.

 
Aurant Residence   P.IVA 02676440650
Via della vecchia fontana, snc C.A.P. 84046 Ascea (Salerno), Italia    +39 3489040569 +39 3298783953  info@aurantresidence.com